Comune di Grumento Nova  (Pz)

Percorso


Il Paese

Utilitą

Storia

A causa dei diversi attacchi da parte dei Saraceni, tra l’878 e il 1031, gli ultimi abitanti di Grumentum si rifugiarono sul colle sovrastante la città, dove esisteva già dal IV sec. d.C. un piccolo insediamento intorno al tempio dedicato alla divinità egizia Serapide. Questo nuovo centro abitato intorno alla metà dell’anno 1000 prese il nome di Saponara e divenne feudo Normanno. Conobbe quale primo Feudatario Roberto d’Altavilla, Conte di Montescaglioso.

A questa famiglia si deve la costruzione del castello e della cinta muraria. Tra i vari feudatari che si avvicendarono, i Sanseverino segnarono la storia del paese tenendone il possesso ininterrottamente sino al 1853.Sotto il loro dominio il Comune conobbe periodi di grande splendore, ma anche di decadenza. Al termine dell’epoca feudale nel meridione, nel 1806 i Sanseverino di Saponara arrivarono persino a ricoprire un ruolo di prestigio con Tommaso di Saponara che fu nominato Ministro del Regno di Napoli. In epoca risorgimentale la cittadina partecipò attivamente ai moti liberali del 1820-21, del 1848 con Gherardo Ceramelli e all’attività mazziniana con il liberale Giulio Cesare Giliberti.

Rasa al suolo dal sisma del 1857, che mietè più di 2000 vittime, fu interessata anche dal fenomeno del Brigantaggio. Il nome Saponara, con regio decreto del 21 aprile 1863, fu trasformato in Saponara di Grumento ed infine, il 3 novembre1932, in Grumento Nova.

Posizione geografica

Grumento Nova è un delizioso paese di impronta medioevale disteso su un colle a 771 m. di altezza sul livello del mare. Il colle sorge nel cuore dell’alta Val D’Agri alla confluenza dei fiumi Agri e Sciaura che solcano la valle e alimentano il Lago Pietra del Pertusillo, nei pressi del quale sorgeva l’antica città romana di Grumentum. Grumento Nova presenta una conformazione urbana e paesaggistica di assoluta suggestione. Grazie a questa favorevole posizione, il paese gode di un’eccellente veduta panoramica dell’intera Valle.

Origine del nome

Il nome medioevale di Saponara deriverebbe, secondo lo storicoRacioppi, dal tardo latino Sabulum (sabbia) + aeria (aia). Altri studiosi, invece, sostengono che derivi da Sérapide (divinità Greco-Egizia); oppure collegano il nome ai termini latini “Sapo-Saponis” (argilla simile al sapone). L’attuale nome di Grumento Nova risale al Novembre del 1932.

Date importanti nella storia di Grumentum e Grumento Nova

291-280 a.C. - fondazione di Grumentum da parte dei romani.
207 a.C. - battaglia tra Annibale ed il console romano Claudio Nerone - presso la città di Grumentum.
91-89 a.C. - guerra sociale assedio e distruzione di Grumentum.
Età Giulio-Claudia, trasformazione di Grumentum in una città monumentale.
IV secolo d.C. (370-350 d.C.) istituzione della sede vescovile a Grumentum.
878 d.C. - primo attacco saraceno alla città e dispersione dei grumentini sul territorio.
1031 d.C.
- definitiva distruzione di Grumentum da parte dei Saraceni.
1030-1040 d.C. - fondazione di Saponara.
1060-1070 d.C. - Roberto I d’Altavilla, conte di Montescaglioso, costruì il Castello sulla cima centrale del colle.
1118 d.C. - trasformazione del tempio romano dedicato al dio pagano Serapide nella chiesa Madre di Saponara.
24-09-1284 - il conte Ruggero II Sanseverino, ex viceré di Gerusalemme, donò alla chiesa di Saponara, suo feudo prediletto, la reliquia della “terra mixta cum sanguine Christi” portata da Gerusalemme.
16-12-1857 - un violento terremoto pari all’11° della scala Mercalli distrusse completamente il paese e causò oltre 2.000 morti sui 4.000 abitanti del centro.
21-04-1863 - con Regio Decreto n.1273 il comune cambiò il suo nome in Saponara di Grumento.
03-11-1932 - con Regio Decreto n.1537 il comune cambiò definitivamente il suo nome in Grumento Nova.
17-07-1970 - Con bolla Papale sotto il pontificato di Paolo VI fu ripristinata la sede vescovile di Grumentum.


Valid HTML 4.1! Valid CSS! | Mappa del sito | Contatti | ©2004 Comune di Grumento Nova (Pz)